Chi ha bisogno di superpoteri quando hai questo?

.

.

C’è un superpotere poco conosciuto e molto sottovalutato, una capacità particolare che arriva da tempi antichissimi ed ere dimenticate.

Nel corso della storia dell’uomo, questo potere è stato sempre meno allenato e sempre più sminuito, declassato, in modo da renderlo un elemento ignorato e farlo cadere nell’oblio.

Tranne in rari casi te l’hanno sempre tenuto nascosto, eppure ce l’hai anche tu – se solo lo usassi.

Perché questo superpotere ti permette di:

 

  1. Esplorare meglio il mondo intorno a te
  2. Conoscere la realtà in maniera immediata e profonda
  3. “Vedere nel futuro”, cioè sapere in anticipo qualcosa che sta per accadere
  4. Riattivare un ricordo con tutta la sua potenza
  5. Risvegliare un desiderio sepolto da tempo
  6. Ritrovare la serenità e il benessere instantaneamente
  7. Guarire

 

Hai già capito di cosa sto parlando vero?

Sì, il potere più ancestrale dell’uomo è l’olfatto.

Il senso attraverso il quale conosciamo e ci rapportiamo con il mondo esterno più di ogni altro, anche se spesso ce ne dimentichiamo. Perché gli “aromi” innescano ricordi, desideri e meccanismi reali che sono in grado di influenzare, in maniera subliminale, ogni essere umano.

Questo è il senso che comunica a livello più istintivo con il nostro cervello, escludendo il pensiero razionale a favore delle emozioni – che sono informazioni di sicuro più indefinite ma più vere, potenti e durature.

 

Se ti stai ancora chiedendo perché lo chiamo superpotere, senti qua:

 

  • Gli esseri umani possono distinguere fino a 10.000 odori;
  • Possediamo niente di meno che 350 recettori olfattivi;
  • Abbiamo ben 1000 geni che permettono di riconoscere gli odori;
  • Il 3% dei nostri geni sono specificatamente dedicati all’olfatto.

 

Gli odori hanno un valore emotivo talmente alto per noi che gli scienziati pensano che siano profondamente legati alla nostra sopravvivenza. Questo senso, più di ogni altro, separa cosa ci fa star bene da cosa può rappresentare un pericolo.

 

Ma che cos’è che “fa odore”?

Sono piccole particelle volatili, ognuna delle quali ha strutture molecolari diverse: non esistono due sostanze al mondo che abbiano lo stesso odore.

Ma per sentire veramente un aroma e trarne beneficio è necessario che le molecole odorose siano di un numero sufficiente.

 

Attenzione però:

Il nostro organismo registra un odore anche quando noi non lo percepiamo coscientemente.

 

Come in aromaterapia, quello che accade a livello più profondo attraverso l’olfatto è qualcosa che sfugge completamente alla nostra razionalità (percezione), quindi possiamo trarre grandi vantaggi anche se “non sappiamo” di aver sentito un odore (sensazione).

 

Ecco il percorso degli odori dal naso al cervello:

 

  1. Recettori olfattivi
  2. Organo di Jacobson
  3. Bulbo olfattivo
  4. Corteccia piriforme
  5. Ippotalamo
  6. Talamo
  7. Sistema limbico

 

Questo meccanismo complesso è alla base di un superpotere che negli ultimi anni ha risvegliato grande interesse nella ricerca scientifica. Ed è stato scoperto che:

 

Una sostanza, per entrare in contatto con il nostro sistema olfattivo, deve essere sufficientemente volatile, affinché le molecole possano raggiungere le narici. Un elemento non volatile, come per esempio il vetro, non ha nessun odore.

 

Ecco perché gli oli essenziali, le particelle volatili delle piante officinali, hanno un tale impatto sul nostro sistema corpo-mente!

 

Noi già 10 anni fa ci abbiamo basato un’intera oasi, realizzando il primo boutique hotel aromaterapico della Sardegna: quattro camere sensoriali in pietra e legno, circolari con tetto a cono come le antiche case dei pastori sardi.

Dopo aver studiato per oltre trent’anni il patrimonio erboristico dell’isola e la trasformazione delle erbe aromatiche sarde in oli essenziali, Marina Denti ha aperto le porte di questo straordinario luogo di pace.

Ogni camera è legata a un’essenza sarda:

 

⚪ Camera Bianca con olio essenziale di Mirto
💚 Camera Verde con olio essenziale di Ginepro
💜 Camera Viola con olio essenziale di Lavanda
💛 Camera Gialla con olio essenziale di Elicriso

 

.

.

In questa piccola guesthouse eco-chic, ci sono solo quattro percorsi sensoriali legati alle quattro camere-pinnettos, quindi non ci saranno mai più di quattro coppie alla volta.

Qui entri in una dimensione antica, essenziale, fai un’esperienza sensoriale originaria, godi di un relax totale e ti risvegli rigenerato, con una forza interiore che viene da una terra millenaria.

Dato che l’archittettura riprende la forma di un antico nuraghe quadrilobato, e la camera è circolare e conica, l’energia all’interno della stanza si muove in maniera più intensa rispetto agli edifici squadrati.

E in più, ad ogni essenza abbiamo abbinato il colore che, secondo la cromoterapia, esalta l’effetto di quella pianta officinale.

Questa per esempio è la Camera Elicriso, con olio essenziale tonificante e rigenerante, estratto secondo la tradizione dei migliori erboristi dell’isola:

.

.

L’olio essenziale di elicriso ti aiuta a recuperare la tua centralità mentale ed emotiva, insieme all’energia fisica. Ti libera dal fardello della pesantezza di alcune situazioni, donandoti gioia e serenità riarmonizzando corpo-mente-spirito. E ti aiuta anche a vedere dall’esterno i problemi, riportandoti con i piedi per terra e donandoti calore emozionale.

Allo stesso modo il colore giallo stimola il tono neuro-muscolare (per questo è il colore adatto agli sportivi, dando una maggiore prontezza di riflessi). Aiuta la pelle a ritrovare luminosità, migliora la digestione, attiva il sistema linfatico, riduce il gonfiore addominale. Ma soprattutto è grande il suo effetto sulla psiche: il giallo è un forte stimolante dell’allegria e dell’estroversione, della concentrazione e della lucidità cosciente.

.

.

Questa invece è la camera Lavanda, con olio essenziale di Lavanda nel bruciaessenze sul comodino e sul tronco della testata del letto. Quest’olio essenziale è il rilassante per eccellenza ed è legato alla sfera emotiva più profonda, insieme alla creatività. Aiuta a comprendere la sacralità del vivere quotidiano e ha un effetto calmante anche per chi ha problemi di insonnia e tensione nervosa.

Allo stesso tempo il colore violetto è il colore della calma, della pace e dell’armonia. Entrare in contatto con queste sfumature rallenta l’attività cardiaca e favorisce la distensione, il rilassamento, l’ispirazione e la fantasia. Questo è il colore della meditazione.

.

.

A volte ciò che desideri arriva.

.

Riprendi contatto con il tuo superpotere nascosto.

.

La natura spontanea ti aiuterà a liberarti di ciò che ti pesa sul cuore, mentre gli oli essenziali nella capanna sensoriale lavoreranno anche nel sonno sulle tue memorie inconsce.

Siamo nel Parco Naturale di Tepilora, unica Riserva Unesco in Sardegna.

Scegli solo le tue date, a tutto il resto ci pensiamo noi:

.


Rispondi