Quando vedi una cosa piccola, ma bella

.

.

Quando vedi una cosa piccola, ma bella, fermati un momento.
Non è solo quello che si vede.

Un fiorellino che attira la tua attenzione e ti fa sentire bene ha dovuto resistere a milioni di occasioni rischiose e condizioni estreme. Intemperie. Passaggio di animali e persone. Automobili.

Infinite volte ha rischiato di essere spazzato via.

Schiacciato. Polverizzato.

 

Una bambina piccola è un miracolo della Natura.
Appena concepita era un fagiolo indifeso. Fino al terzo mese di gravidanza era talmente sensibile che ogni minima infezione rischiava di turbare la normale formazione degli organi. Può esserci stato uno o più rischi di aborto. Malattie genetiche. Errori casuali nel DNA. Sono cose frequentissime che fanno parte della grande sfida di venire al mondo.

Complicazioni del parto. Nascita prematura. Nascita sottopeso. Valori sballati nel sangue.
Invece guardala adesso… In pochi mesi ha imparato a respirare da sola. Mangiare da sola. Camminare da sola. Correre. Parlare. Uno sforzo sovrumano sotto un costante flusso di pericoli. Risultato? La perfezione.

Se la guardi e vedi… solo una bambina. Guarda ancora. Guarda meglio.
Non è solo quello che si vede.

.

.

Cosa voglio dirti con questo?

.
Di questi tempi, in una terra come questa, una piccola cosa bella a volte è frutto di sforzi sovrumani.

Mia madre e io abbiamo iniziato a sognare L’Essenza Oasi Sensoriale ormai quasi 10 anni fa e anche se nel “marketing ufficiale” non si vede, ogni minimo dettaglio è il frutto di una lotta, una dedizione e una tenacia fuori dal comune.
Ogni giorno in cui restiamo e non molliamo è il frutto di anni di ingiustizie usate come carburante anziché come deterrente.

.

.

Quando vedi una cosa piccola, ma bella, fermati un momento.
Non è solo quello che si vede.
Ogni fotografia ha dietro anni di fatiche che hanno reso possibile quella luce, quella bellezza, quella disposizione.
Ogni spazio che tu vedi e dici “bello” non è spuntato lì per caso e non è dato per scontato. E’ difeso e protetto con le unghie e con i denti. Curato con l’amore. La progettazione. Il coraggio.

Di questi tempi, in una terra come questa, una piccola cosa bella a volte è frutto di sforzi sovrumani.
Offese. Soprusi. Invidie. Segnalazioni anonime. Prepotenze. Incompetenze. La pazzia e la cattiveria di chi non sa dare niente a questa terra – una terra che noi veneriamo.

Se guardi e vedi… solo un affittacamere. Guarda ancora. Guarda meglio.
Non è solo quello che si vede.

.

.

Creata appositamente per risvegliare i 5 sensi con oli essenziali dentro capanne eco chic, L’Essenza Oasi Sensoriale è una piccola struttura ricettiva nel Parco Naturale di Tepilora – unica Riserva Unesco in Sardegna e ottava in tutta Italia.

Il pinnetu dell’Essenza è una camera circolare in pietra e legno, con tetto a cono su telaio d’alberi resistenti e percorso cromo-aromatico dedicato.

Dato che l’archittettura riprende la forma di un antico nuraghe quadrilobato, e la camera è circolare e conica, l’energia all’interno della stanza si muove in maniera più intensa rispetto agli edifici squadrati.

.

Come millenni fa…

.

Qui entri in una dimensione antica, essenziale, fai un’esperienza sensoriale originaria, godi di un relax totale e ti risvegli rigenerato, con una forza interiore che viene da una terra millenaria.

La natura spontanea ti aiuterà a liberarti di ciò che ti pesa sul cuore, mentre gli oli essenziali nella capanna sensoriale lavoreranno anche nel sonno sulle tue memorie inconsce.

In questa piccola guesthouse eco-chic, ci sono solo 4 percorsi sensoriali legati alle 4 camere-pinnettos, quindi non ci saranno mai più di 4 coppie alla volta:

 

  1. Camera Bianca con olio essenziale di Mirto
  2. Camera Verde con olio essenziale di Ginepro
  3. Camera Viola con olio essenziale di Lavanda
  4. Camera Gialla con olio essenziale di Elicriso

.

Scegli la tua camera e preparati a vivere l’esperienza sensoriale più autentica in Sardegna:

.


Rispondi